Romanzi


Una raccolta antologica di racconti legati dal filo rosso della crudeltà. Contaminazioni di generi ai confini della realtà. Pillole di Cattiveria (Italic Pequod, 2015) ci descrive mondi grotteschi e inquietanti, presenti, passati, futuribili eppure terribilmente vicini. La lente deformante del fantastico ci restituisce un mondo troppo simile a quello reale, dalle elezioni di una città di provincia in salsa lovecraftiana al traffico di organi, dall'alienazione del lavoro agli alienati assassini.

Puttaniere blues (Lite Editions, 2014) è un romanzo ambientato nelle apparentemente idilliache Marche. Alberto, il protagonista, è un neolaureato al suo ingresso nel mondo del lavoro che intraprende la sua carriera di assistente-schiavo in una piccola università. L'ambiente accademico fa da contraltare diurno alle notti trascorse raccogliendo prostitute per strada. Ironia ed erotismo sono le chiavi che conducono il lettore attraverso le fasi della vita del protagonista, anche quando le tinte diventano nere.

In questo romanzo ambientato a inizio '900, le Marche mostrano il loro lato oscuro, come già nei racconti pubblicati in NeroMarche (Ennepilibri, 2008) e Marchenoir (Italic Pequod, 2012). Tutto ha inizio con un corpo di donna rinvenuto nel Lago Profondo di Portonovo, alle pendici del Monte Conero. L'acqua tace (Italic Pequod, 2013), un'indagine dell'Agente Scelto Ciro Iaccarino, che si dipana tra aristocratici, popolani, attrici dedite al laudano, declamazioni estemporanee di Gabriele D'Annunzio e altri misteri di periferia.

Alessio Principi, Giacinto Panetta e Filippo Vespasiani, sono i tre terribili pensionati protagonisti dei romanzi del padre/cugino Paolo Agaraff: Le rane di Ko Samui (Pequod, 2003) e Il quinto cilindro (Montag, 2010). In questo prequel della saga, i tre vecchietti si confrontano con un misterioso cicciobomber che causa lo scompiglio nell'apparentemente idilliaca provincia di Gomitona. I ciccioni esplosivi, un romanzo edito nel 2009 per i tipi di Montag